Cerca nel blog

venerdì 30 giugno 2017

TIL e TILMUN

Questo post vuole fare luce su 2 termini importanti e controversi nella teoria di Sitchin, per comprendere a fondo il discorso relativo a questi due termini bisogna partire un po' da lontano. Farò riferimento, in questo post, ai libri in lingua originale di Sitchin per maggior accuratezza.
 
TIL = MISSILE
In "The wars of Gods and Men" (in Italia: guerre atomiche al tempo degli dei) Sitchin scrive:
 
"Enlil instructed Ishkur to go back and tell Ninurta: "In the battle do not tire, prove thy strength!".
More practically, he sent Ninurta a tillu - a missile to attach to the Stormer that shoots the projectiles"
 
Tra parentesi riporta il segni pittografico a cui assegna il valore accadico "tillu" e sumero TIL.
Questo segno, con tutta la citazione di Sitchin, é riportata nella immagine a fondo articolo.
E' importante notare che in questo passaggio Sitchin cita solo il termine accadico "tillu" e non il sumero TIL.
Quando in altri punti del libro (e in altri libri) arla del ILMUN (la terra degli dei), egli traduce come TIL.MUN = "Terra dei missili". E' quel che succede per esempio in "The stairway to heaven" (in Italia: le astronavi del Sinai) in cui scrive:
 
It was to be a "sacred zone"a restricted area, accessible only by permission.
It was called in Sumerian TIL.MUNliterally, "Land of the Missiles."
 
Dunque possiamo ritenere valido che per Sitchin vale l' equivalenza se non altro fonemica: TIL -> tillu con significato di "missile".
 
Ha ragione?
Intanto bisogna chiarire che segno é TIL. 
I dizionari di sumero che riportano i segni pittografici e cuneiformi riportano diverse varianti di TIL/DIL, che ho numerato come 1, 2 e 3 nell' immagine a fondo post.
Se si osserva il segno disegnato da Sitchin si constata che esso corrisponde esattamente al segno che ho marcato come 3 e reso TI(I), che Prince, autore del dizionario, riporta nella sua forma più comune che significa generalmente "vita" (per intenderci é il segno utilizzato nell' Enuma Elish per il nome TI.AMAT). Tenete a mente questo particolare per dopo.
Se leggete la descrizione di Prince, egli scrive: "Il segno primitivo (disegna esattamente quello disegnato da Sitchin) sembra significare: aprire ciò che  é opposto", significato che egli collega ai rapporti sessuali estendendo a "avere connessione sessuale" da cui "vita".
Prince fornisce alcune equivalenze, ho segnalato in rosso quella in cui segnala che questo segno TI(I) equivale al  segno che ho numerato come 2 TI-IL. 
Se andiamo a leggere la descrizione di Prince per questo segno, notiamo (sottolineato in rosso) che egli riporta: "Il significato originale del segno era aprire, infilarsi, penetrare, distruggere".
Non é forse questa la descrizione di un missile? Non é questa la descrizione dell'effetto avuto dal "tillu" di Ninurta nel Mito di Zu a cui fa riferimento Sitchin?
Per ora abbiamo stabilito che TIL sumero di Sitchin corrisponde graficamente ad un segno sumero di Prince TI(I) che ha equivalenza con un altro segno molto simile (TI-IL) con il significato compatibile con  la funzione e gli effetti di un missile.
 
TILMUN = LA TERRA DEI MISSILI
Il territorio chiamato nei testi sumeri DILMUN, menzionato già a partire dal III millennio a.C. nella letteratura sumera di vario genere, era chiamato in questa maniera solo come resa fonetica. Il suo nome infatti non si scriveva con i segni di TIL.MUN, ma con i segni di NI.TUK (come riportato da Jean Jacques Glassner citando Englund e Nissen nel suo articolo "Dilmun, Magan and Meluha"), il cui significato non é ancora stato chiarito (per NI si accettano in genere i significati di "Olio, straripante, riposare, suffisso di 3a persona" e per TUK si accettano i significati di "avere, prendere possesso"). Bisogna quindi analizzare la resa fonetica DILMUN (presente in lungo e largo dalla metà del III millennio fino al I millennio) nelle sue possibili traduzioni o interpretazioni. 
La resa DILMUN diversa da quella di Sitchin TILMUN non deve ingannare, foneticamente TIL e DIL corrispondevano ed erano intercambiabili; in testi DILMUN viene menzionato come la terra degli dei, e nell' epopea di Gilgamesh esso viene chiamato "la terra dei viventi", come fa notare Sitchin in "The stairway to heaven" (le astronavi del Sinai) in cui scrive:
 
In three days, "a run of a month and fifteen days"a forty-five day journey overland"they left behind." He arrived at TIL.MUN"The Land of the Living."
 
Ebbene, come fa notare lo stesso Sitchin, questo é un gioco di parole (o meglio, di significati) che ci permette di accettare l' equivalenza fonemica DIL = TIL poichè, come scrive Sitchin:
 
The Sumerians, masters of word-plays, called the Land of the Missiles TIL.MUN; yet the term could also mean "Land Of Living," for TIL also meant "Life."
 
Al punto precedente abbiamo constatato la possibile valenza di TIL come 'missile', ora il fatto che la stessa parola significhi "vita" (riportato sia da Sitchin che da Prince) e che DILMUN in Gilgamesh viene chiamato "terra dei viventi" rende accettabile l' equivalenza

Nessun commento:

Posta un commento