Cerca nel blog

mercoledì 4 novembre 2015

ANUNNAKI - ENKI E NINMAH :I primi tentativi (andati male) di creazione dell’ uomo

Il mito che qui propongo è un vero classico della letteratura sumera. Vi si narra del primo tentativo di creazione dell’ uomo, ad opera di Enki e Ninmah, perché questo potesse portare ‘il giogo degli dei’, cioè svolgere tutte quelle attività che erano svolte dagli dei minori. La storia si svolge in 4 parti. Nella prima parte, mentre Enki dorme nel suo giaciglio, gli dei minori si lamentano della fatica del lavoro. La dea Namma, madre di Enki, sveglia suo figlio per presentargli le lamentele degli dei e gli suggerisce di creare un essere che lavori al posto loro. Enki, nella sua grande saggezza, decide allora che la cosa sia fattibile, e dà le istruzioni necessarie. Convoca quindi sua sorella Ninmah e le ‘dee della nascita’ le quali la dovranno assistere nell’ opera. Nella seconda parte, Ninmah crea 6 esseri, tutti malati, per i quali Enki ‘decide i destini’, cioè dispone per loro un compito che possano svolgere nonostante le loro menomazioni. Nella terza parte, poiché Ninmah è desolata di non essere riuscita a creare un ‘uomo perfetto’, Enki decide di provare un nuovo procedimento, utilizzando il seme di un dio e impiantarlo nell’ utero di una dea (Ninmah stessa?) mischiando questo seme con una forma d’ argilla da lui prodotta. Anche questo esperimento però produce un essere imperfetto, chiamato Umul (che in sumero significa appunto ‘creatura malata’), con molte menomazioni. Ninmah, constatando che questo essere non è in grado di badare a se stesso, si lamenta con Enki. Questi però ricorda a Ninmah di come lui abbia comunque badato ai 6 esseri prodotti da Ninmah. Nella quarta parte, probabilmente sentendosi rimproverata ingiustamente, Ninmah rinfaccia ad Enki di non aver però badato alla sua terra, alla sua città, quando questa fu distrutta, quando suo figlio (non identificato nel mito) fu costretto a fuggire, e quando lei stessa dovette abbandonare l’ E.Kur (il tempio di Nippur).Per contro, Enki la ammonisce di non rompere la promessa per la quale
Ninmah avrebbe dovuto badare al destino della creatura da lui prodotta, la prega di ‘lasciare libera’ la sua creatura, e auspica che comunque questo giorno, quello delle creazioni, venga festeggiato. Enki ordina dunque che sia costruita una casa (non si capisce se DA Umul o PER Umul) e che siano scritte canzoni per commemorare l’ opera eroica di Ninmah. Il poema finisce con la consueta ‘lode’ al dio, per la sua saggezza e le sue opere. Il testo, catalogato presso l’ ETCSL e analizzato da Stephen Langdon, Thorkild Jacobsen, e Giovanni Pettinato, proviene dalla cosiddetta ‘scuola di Eridu’; rappresenta una sorta di antefatto al racconto della creazione dell’ uomo contenuta nel più lungo e meglio conosciuto testo ‘Atra Hasis e il diluvio’.

1. ud re.a.ta ud an ki.bi.ta ba.an.(dim2.ma.ba)2. gi6 re.a.ta gi6 an ki.bi.ta <ba>.(an.dim2.ma.ba)
3. (mu re).a.<ta> mu nam ba.(tar.ra.ba)
4. (d.a).<nun>.na.ke4.ne ba.tu.ud.da.a.ba
5. d.ama.d.inana nam.nir.pa.she3 ba.tuku.a.ba
6. d.ama.d.inana an ki.a ba.hal.hal.la.a.ba
7. d.ama.d.inana (...) ba.a.pesh u3.tud.da.a.ba
8. dingir kurum6.ma.bi A X X unu2.bi.she3 ba.ab.keshe2.a.<ba>
9. dingir shar2.shar2 kig2.ga2 al.sug2.ge.esh dingir tur.tur
du2.lum im.il2.il2.e.ne
10. dingir id2 <im> dun.dun.u3.ne sahar.bi ha.ra.li
im.dub.dub.be2.ne
11. dingir im ar3.ar3.re.ne zi.bi inim am3.ma.gar.re.ne
12. ud.ba geshtug2 dagal mud dingir shar2.shar2 gal2.gal2
13. d.en.ki.ke4 engur buru3 a.sur.ra ki dingir na.me shag4.bi u6
nu.um.me
14. ki.nu2.ni i3.nu2 u3 ku nu.um.zi.zi
15. dingir er2.ra im.pad.pad.ne a.nir gal2 i3.ak im.me.ne
16. lu2 ku.ra i3.nu2.a.ra ki.nu2.bi nu.um.zi.zi.<ra>
17. d.namma.ke4 ama palil u3.tud dingir shar2.shar2.ra.ke4.ne
18. er2.ra dingir.re.e.ne dumu.ni.ir ba.shi.in.de6
19. X mu.un.shi.nu2.u3.nam u3 mu.un.shi.ku.ku.na.nam
20. (X) te ba (... nu.mu.un).zi.zi
21. dim3.me2.er shu dim2.dim2.ma.zu X gu2.bi im.tu10.tu10.ne
22. du5.mu.gu10 ki.nu2.zu zig3.ga (i.bi2) ma.al.la.zu.ta
na.ag2.kug.zu u3.mu.e.kig2.ga2
23. kig2.sig10 dim3.me2.er.e.ne.ke4 u3.mu.(e).dim2 du2.lum.bi
ha.ba.tu.lu.<ne>
24. d.en.ki.ke4 inim ama.na d.namma.ke4 ki.nu2.na ba.ta.zig3
25. hal.an.kug nigin2 shag4 kush2.u3.da.na hash im.mi.<ni>.(ra)
26. geshtug2 gizzal en3 tar (...) nam.kug.zu mud me.dim2 nig2.nam.ma
sig7.en sig7.hi im.ta.an.e3

TRADUZIONE:
In quei giorni, i giorni in cui cielo e terra vennero creati,
In quelle notti, le notti in cui cielo e terra vennero creati,
In quegli anni, gli anni in cui i destini vennero fissati,
quando gli dei Anunna generarono,
quando le dee (madri e figlie) si sposarono,
quando le dee (madri e figlie) abitarono cielo e terra,
quando le dee (madri e figlie) diventarono pregne,
e gli dei dovevano portare il cibo nelle sale da pranzo,
gli dei maggiori sorvegliavano il lavoro, e gli dei minori portavano
il giogo del lavoro.
Lavoravano ai canali della terra di Arali, nella terra e nell’
argilla,
ma smisero i lavori per lamentarsi di questa vita.
Quel giorno il creatore, il grande dio dalla grande sapienza,
Enki, nel suo Engur, il luogo delle acque sotterranee che nessun dio
conosce,
dormiva nelle sue stanze e fu svegliato
dagli dei che si lamentavano
e si alzò dal suo letto.
La dea Namma, la prima madre che diede nascita agli dei,
portò le lacrime degli dei minori a suo figlio che dormiva,
a colui che giaceva nel suo sonno,
(....)
“Dio Creatore, le tue creature si lamentano,
figlio, alzati dal tuo giaciglio, rivolgi il tuo sguardo, la tua
saggezza,
crea per gli dei un sostituto, così che loro siano liberi dal giogo
del lavoro”
Enki, alle parole di sua madre Namma, dal giaciglio si levò.
Nell’ Halankug, il suo luogo, si colpì i fianchi infastidito,
colui dalla grande conoscenza, che tutto sa, camminava avanti e
indietro,

27. d.en.ki.ke4 a2.ni ba.shi.in.de6 geshtug2 i3.ni10.ni10.e
28. d.en.ki.ke4 mud me.dim2 ni2.te.a.na shag4.bi geshtug2.ta
u3.mu.ni.de5.ge
29. ama.ni d.namma.ra gu3 mu.un.na.de2.e
30. ama.gu10 mud mu.gar.ra.zu i3.gal2.la.am3 zub.sig3 dingir.re.e.ne
keshe2.i3
31. shag4 im ugu abzu.ka u3.mu.e.ni.in.shar2
32. sig7.en sig7.hi im mu.e.kir3.kir3.re.ne za.e me.dim2
u3.mu.e.ni.gal2
33. d.nin.mah.e an.ta.zu he2.ak.e
34. d.nin.imma3 d.shu.zi.an.na d.nin.ma.da d.nin.barag
35. d.nin.mug d.shar.shar.gaba d.nin.gun3.na
36. tud.tud.a.zu ha.ra.gub.bu.ne
37. ama.gu10 za.e nam.bi u3.mu.e.tar d.nin.mah zub.sig3.bi
he2.keshe2
38. (...) i3.du3 nam.lu2.ulu3 (...)
39. (...).ke4 nam.lu2.ulu3 am3.(ma....)
40. (...) HA sag.e sag am3.<ma>.(...)
41. (...) dim2.zu unu6 ri.zu ga.a.<am3>
42. (...) SAR.e gish.nu11 mi.ni.in.il2 nam.lu2.(ulu3 ...)
43. (...) sag2 numun2.e mi.ni.in.ri u3.tud na.bi mu.de5
44. d.en.ki.ke4 kig2 ni10.ni10.da (X) mi.ni.in.la2 shag4.bi ba.hul2
45. ama.ni d.namma d.nin.mah.she3 gishbun na.am3.ma.ni.in.gar
46. gu2 sig7.en sig7.hi nun.ne.ke4 nam.tar gi sag ninda i.im.gu7.e
47. an.e d.en.lil2.bi en d.nu.dim2.mud.e mash kug i.im.sheg6.sheg6
48. dingir shar2.shar2.ra.ke4.e.ne ka tar i.im.si.il.le.ne
49. en geshtug2 dagal.la a.ba.a geshtug2 i3.de5.ge
50. en gal d.en.ki.ke4 nig2 ak.ak.zu.she3 a.ba.a i3.sig10.ge
51. a.a tud.da.gin7 me nam tar.tar.ra me za.e al.me.en.na
52. d.en.ki.ke4 d.nin.mah.e kash im.na8.na8.ne shag4.bi ul mu.un.te
53. d.nin.mah.e d.en.ki.ra gu3 mu.na.de2.e
54. me.dim2 na.ag2.lu2.ulu3.ta sag9.ge hul ma.al.la.a.kam

TRADUZIONE:
Enki, allungò la sua mano e prestò attenzione,
Enki, che tutto conosce, il creatore delle cose, valutò la situazione
e poi
A sua madre Namma disse:
“Madre, la creazione di cui parli (*1) avrà luogo, imponiamo ad essa
il lavoro degli dei,
mischia l’ argilla della terra a nord dell’ Abzu
le dee della nascita ti aiuteranno a lavorare l’ argilla, e la forma
sarà realizzata
Ninmah sia tua aiutante,
Ninimma, Shuzianna, Ninmada, Ninbarag,
Ninmug, Sharshargaba, Ningunna,
ti aiutino nella nascita.
Madre mia, tu realizzerai la creatura, deciderai i destini, e Ninmah
imporrà loro il lavoro.
(…) erigeremo (faremo crescere) l’ umanità,
(…) faremo sorgere l’ uomo,
(…) solleverà la testa,
(…) metterà cibo nelle nostre camere da pranzo,
(…) innalzeremo l’ uomo,
(…) lavorerà nei campi e si moltiplicherà”.
Il lavoro di Enki riempì il loro cuore di gioia,
la madre Namma e Ninmah egli festeggiò con lauto pasto,
le dee della nascita segnarono il destino, il cibo dei principi,
Anu, Enlil e Nudimmud (Enki) arrostirono vitelli,
i grandi dei tutti lo lodarono:
“Signore di grande sapienza, che tutto conosci,
signore Enki, chi compete con te?
Padre che dai la nascita, decidi i destini con i tuoi ME”
Enki e Ninmah bevvero birra, e i loro cuori si scaldarono,
e Ninmah disse ad Enki:
“Il destino dell’ umanità sarà buono o cattivo, secondo

55. ki shag4 gi4.a.gu10 na.ag2.tar bi2.ib.sig10.ge bi2.ib.hul.e
56. d.en.ki.ke4 d.nin.mah.e mu.na.ni.ib.gi4.gi4
57. nam.tar shag4.ge de6.a.zu sag9.ge hul ma.al ga.am3.shi.ib2.la2
58. d.nin.mah.e im ugu abzu.a shu.ni mu.ni.in.ti
59. lu2 gi shu shu2.shu2 sa2.sa2.de3 nu.gam lu2.u3 am3.ma.ni.in.dim2
60. d.en.ki.ke4 lu2 gi shu shu2.shu2 sa2.sa2.de3 nu.gam igi
du8.a.ni.ta
61. nam.bi i.ni.in.tar sag lugal.la.ke4 am3.ma.ni.in.gub
62. gi4.bi gish.nu11 gi4.gi4 lu2 u6.e am3.ma.ni.in.dim2
63. d.en.ki.ke4 gish.nu11 gi4.gi4 lu2 u6.e igi (du8.a.ni.ta)
64. nam.bi i.ni.in.tar nam.nar mi.ni.in.ba
65. (X) gal ushumgal.la igi lugal.la.ke4 am3.(ma).ni.in.(gub)
66. pesh.bi (giri3 / giri2) hum giri3 dab5.ba.a (am3.ma.ni.in.dim2)
67. den.(ki.ke4) giri3 hum giri3 dab5.ba igi (du8.a.ni.ta)
68. kig2 (...) kug.babbar.dim2 me.lem4.ma.ni <am3>.(ma).ni.in.(X)
69. pesh.gi lu2 a sur.sur.ra am3.(ma).ni.dim2
70. d.en.ki.ke4 lu2 a sur.sur.ra igi du8.a.ni.ta
71. a mu7.mu7 mi.ni.in.tu5 nam.tar su.bi am3.ma.ni.in.zig3
72. pesh.pesh.gi munus nu.u3.tud am3.ma.ni.in.dim2
73. d.en.ki.ke4 munus nu.u3.tud igi du8.a.ni.ta
74. nam.bi <mi>.ni.in.tar e2.mi2.a.ke4 am3.ma.ni.in.du3
75. pesh.bal.gi lu2 su.ba gish3 nu.gar gal4.la nu.gar am3.ma.ni.dim2
76. d.en.ki.ke4 lu2 su.ba gish3 nu.gar gal4.la nu.gar igi
du8.a.ni.ta
77. d.nibru.ki tiru.e mu.e mu.ni.in.sa4.a
78. igi lugal.la.ke4 gub.bu.de3 nam.bi a.ma.ni.in.tar
79. d.nin.mah.e im nigin2 shu.na ki.a mu.un.shub lul.ash lib
mu.un.gar
80. en gal d.en.ki.ke4 d.nin.mah.a.ra gu3 mu.un.(na).de2.e
81. lu2 shu dim2.ma.zu.she3 nam.bi i.ni.in.tar ninda i.ni.in.shum2
82. ge26.e ga.na ga.mu.ra.ab.dim2 za.e u3.tud.bi nam.bi tar.ra.ab
83. d.en.ki.ke4 me.dim2 sag.ga2 X.ga ka shag4.ba a.ma.ni.dim2

TRADUZIONE:
il volere del mio cuore il suo destino sarà buono o cattivo”
ed Enki a Ninmah rispose:
“per la tua saggezza il destino sarà buono o cattivo”
Ninmah prese l’ argilla delle terre a nord dell’ Abzu,
creò un uomo ma egli non teneva le mani dritte,
Enki vide l’ uomo, egli non teneva le mani dritte, e decretò il suo
destino,
e lo mise nel campo del re come servitore.
La seconda creazione fu un uomo che sfuggiva la luce,
Enki vide che l’ uomo rifuggiva la luce,
e decretò il suo destino, ne fece un abile musicista,
lo mise nel campo del re.
Il terzo uomo che fu creato aveva i piedi che non funzionavano,
Enki allora vide che l’ uomo non sapeva usare i piedi,
e lo rese un grande lavoratore dell’ argento lucente.
Il quarto uomo non sapeva trattenere l’ urina,
ed Enki vide che l’ uomo non tratteneva l’ urina,
e lo fece giacere nell’ acqua che scacciò il suo male.
Il quinto era una donna che non poteva partorire,
Enki vide che la donna non poteva partorire,
e ne fece una ancella nella casa della regina.
Il sesto era un essere senza pene ne vagina,
Enki vide che l’ essere non aveva pene ne vagina e ne decretò il
destino,
lo chiamò ‘dono di Nippur’ e
ne fece un attendente per il re.
Ninmah delusa per le creazioni andate male gettò per terra l’ argilla
camminando avanti e indietro,
il signore Enki allora disse a Ninmah:
“Tu hai finora creato gli uomini e io ne ho deciso i destini,
ora io proverò a crearli e tu ne deciderai i destini”
Enki creò allora una forma che aveva testa e bocca,

84. d.nin.mah.a.ra gu3 mu.un.na.de2.e
85. a gish3 ak shag4 munus.a.ka ri.a
86. d.nin.mah (...) u3.tud.bi.she3 am3.mi.ni.gub
87. munus.bi ud.bi (...) ga ash X ka shag4.ba i.in.shub
88. gi4.bi u4.mu.ul a.za.ad.bi gig.ga ki nam.X.bi gig.ga igi.bi
gig.ga gu2.bi gig.ga
89. zi til.til ti sur.sur mur gig.ga shag4 gig.ga lipish gig.ga
90. shu.bi a.za.ad la2.la2 ka.bi.she3 ninda nu.gar murgu2 (sag).du
ze2.re
91. zag.she sur giri3 sur.sur a.gar3 nu.du am3.ma.ni.<in>.dim2
92. d.en.ki.ke4 d.nin.mah.ra gu3 mu.na.de2.e
93. lu2 shu dim2.ma.zu nam i.ni.in.tar ninda mi.ni.(shum2)
94. za.e lu2 shu dim2.gu10.ush nam.bi tar.ra.ab ninda he2.
(....shum2)
95. d.nin.mah.e u4.mu.ul igi (du8.a.ni.ta e.ne).she3 ba.e.gi4
96. u4.mu.ul mu.na.te en3 mu.na.tar.tar.re dug4.ga nu.zu.e
97. ninda gu7.a.ni.she3 mu.na.ab.de6 shu nu.mu.na.da.gid2.<de3>
98. gishgur8.u6 shag4 nu.mu.na.nu2 nu.mu.da.an.gal2.gal2
99. gub (nu).mu.da.tush nu.mu.da.nu2 e2 nu.mu.da.(X) ninda nu.mu.da.
(gu7)
100. d.nin.mah.e d.en.ki.ra inim.ma mu.(....gi4.gi4)
101. lu2 shu dim2.ma.zu lu2 til3.la in.nu lu2 (ug5.ga) <in>.nu il2.bi
nu.mu.da
102. d.en.ki.ke4 d.nin.mah.e mu.na.ni.ib.gi4.gi4
103. lu2 gi shu sig.ra nam mi.ni.tar ninda mi.ni.in.shum2
104. lu2 gish.nu11 gi4.gi4.ra nam mi.ni.tar ninda mi.ni.in.shum2
105. <lu2> giri3 hum dab5.ra nam mi.ni.tar ninda mi.ni.in.shum2
106. lu2 a (sur.sur).ra nam mi.ni.tar (ninda mi.ni.in.shum2)
107. munus nu.(u3.tud).ra nam mi.ni.tar <ninda> mi.ni.<in>.(shum2)
108. lu2 (su.ba gish3 nu.gar gal4.la nu.gar).ra nam mi.ni.(tar ninda
mi.ni.in.shum2)
109. nin9.gu10 (...)

TRADUZIONE:
e disse a Ninmah:
“versa il seme maschile nell’ utero di una donna”
Ninmah si avvicinò al nuovo nato,
colui che la donna aveva partorito era deludente,
egli era Umul, la sua testa era malata, il suo (…) era malato, gli
occhi e il collo erano malati,
non respirava, i polmoni e gli organi interni erano malati,
con le sue mani malandate e la sua schiena malandata non riusciva a
nutrirsi,
con i piedi e la schiena malati non poteva lavorare, così fu creato.
Enki disse allora a Ninmah:
“Gli esseri che hai creato, ne ho decretato i destini, ho nutrito;
tu ora, degli esseri che creo, decreta i destini e metti da mangiare
nel loro piatto.”
Ninmah guardò ad Umul e si avvicinò,
all’ essere malato parlò ma lui non sapeva parlare,
gli porse del cibo ma lui non riusciva ad afferrarlo,
non sapeva usare attrezzi, non poteva giacere,
non poteva sedersi se in piedi, non sapeva mantenere (?) la casa e
non sapeva nutrirsi
Ninmah disse ad Enki:
“L’ essere che hai creato è vivo e morto, non può badare a se stesso
e non può vivere”
Enki guardò Ninmah e rispose:
“L’ uomo con mani malate, a lui ho dato pane e un destino,
l’ uomo che sfuggiva la luce, a lui ho dato pane e un destino,
l’ uomo con piedi malati, a lui ho dato pane e un destino,
l’ uomo che non tratteneva l’ urina, a lui ho dato pane e un destino,
alla donna che non poteva partorire ho dato pane e un destino,
all’ uomo che non aveva né pene né vagina, anche a lui ho dato pane e
un destino,
sorella mia (…)”,

110. (...)
111. a (...)
112. d.nin.(mah.e) (d.en.ki.ra gu3 mu.na.de2.e)
113. ag2.(ga2 ...)
114. ag2.<ga2> (...)
115. ma a (...)
116. ag2.ga2 (...)
117. ag2.ga2 (...)
118. ag2.(ga2) X (...)
119. (...)
120. (...)
121. (...) X X du (...)
122. (...) ni du ag2 tag.she3 (mu.ni).<in>.kur9.re
123. a2.she3 an nu.mu.e.tush ki nu.(mu.e).tush i.bi2 il2.la.zu
ka.na.ag2.ga2 nu.ed2.en
124. ki za.e nu.tush.en e2.gu10 du3.a inim.zu nu.tuku
125. ki za.e nu.til3.en iri.gu10 du3.a nig2.gu10 lib ba.sig9.ge.en
126. (iri).gu10 gel.le.eg3.ga2 e2.gu10 gul.la dumu.gu10 shu dab5.ba
127. (lu2).kar.ra.gen e2.kur.ta e3.gen
128. ud me.e nig2.gu10 shu.zu.ta shu la.ba.ra.e3
129. d.en.ki.ke4 d.nin.mah.ra mu.na.ni.ib.gi4.gi4
130. inim ka.zu e3.a a.ba.a i3.kur2.re
131. u4.mu.ul X tu dab5.ba ur2.zu.ta shu gal2.ab.ta
132. d.nin.mah kig2.ga2.zu he2.bi2.la2.la2 shu nu.du7 ma.dab5
a.ba.am3 sag mu.un.ga2.ga2
133. lu2 me.dim2.gu10 eger.zu.she3 tuku.a ka.bi shu he2.bi2.gal2
134. ud.da gish3.gu10 me.tesh2 ha.ba.i.i geshtug2 de5.ge.zu he2.gal2
135. enkum ninkum
136. ud X giri3 shub.shub gu2 nam.bi.(...) ka tar.zu he2.
(si.il).le.ne
137. nin9.gu10 a2 nam.ur.sag.ga2 (...) du
138. shir3 (...) nam.dub (...)

TRADUZIONE:
(…)
(…)
Ninmah rispose ad Enki:
“(…)
(…)
(…)
(…)
(…)
(…)
(…)
(…)
(…)
Tu sei entrato (?)
In cielo non risiedi, in terra non risiedi, mai sei venuto a visitare
le mie terre,
dove non risiedi, la mia città fu eretta, le tue parole non arrivano,
dove non risiedi, dove io vivo, anche io rimango in silenzio.
La mia città e la mia casa son distrutte, mio figlio fuggitivo,
io stessa ho dovuto lasciare l’ E.Kur come fuggitiva,
non ho potuto evitare la tua mano!”
Enki rispose a Ninmah:
“Chi può cambiare le parole che hai pronunciato?
La creatura malata (…) libera dalla prigionia (?)
Ninmah, il tuo lavoro (la tua opera) sia (…) promettesti di (…) il
mio lavoro imperfetto, chi può contraddirlo?
L’ essere che ho creato, lascia che io lo abbia indietro,
sia oggi lodata la mia stirpe (?) sia riconosciuta la tua saggezza,
che gli Enkum e i Ninkum
possano stare di fronte a noi e pronunciare le parole della tua
gloria,
sorella mia, tu eroina,
siano scritte (…) canzoni (…)

139. dingir gish tuku.a.bi u4.mu.ul du3 (...) e2.gu10 he2.ak.(e)
140. d.nin.mah.e en gal d.en.ki.ke4 zag nu.mu.ni.in.sha4
141. a.a d.en.ki za3.mi2.zu dug3.ga

TRADUZIONE:
gli dei che hanno (…) la creatura malata (…) sia costruita una casa.”
Ninmah non potè ribattere al grande signore Enki.
Padre Enki, è giusto lodarti!


- La traduzione qui é controversa perchè in sumero non é possibile
stabilire con certezza il 'tempo' di una situazione o azione. Dunque alla
luce del significato dei singoli termini si può tradurre anche come 'La
creazione di cui parli esiste già' intendendo con 'la creazione' in effetti
'il creato' (mud) dunque un essere vivente. Si noti che 'gar' (ngar) ha
anche il significato di 'immagine / aspetto / forma' (Halloran – Sumerian
Lexicon).


3 commenti:

  1. hola iris, en el blog en la parte superior derecha es la sección donde se puede enviar automáticamente traducir, traductor Google, haga clic en el idioma de la ventana y el cambio en Español :-),gracias a ti

    RispondiElimina