Cerca nel blog

giovedì 20 agosto 2015

LA CITTA' PERDUTA NEL DESERTO (Una scoperta che potrebbe riscrivere la storia dell'antico Egitto)

Per gran parte del ventesimo secolo, gli egittologi hanno evitato esplorazioni nel vasto mare di sabbia conosciuto come il Deserto Occidentale. Una distesa di desolazione delle dimensioni del Texas, il deserto sembrava troppo duro, troppo implacabile, inesorabile per un'antica civiltà nutrita dall'abbondanza di Nilo. In primavera, un vento caldo e soffocante noto come Khamsin ruggisce attraverso il deserto occidentale, spazzando via i muri con sabbia e polvere soffocante, in estate, il caldo di giorno a volte spinge il termometro sino a oltre 50° C. I pochi animali che ci sono tendono ad essere ostili e si nascondono sotto le rocce. Scorpioni e cobra si crogiolano sotto il sole del primo mattino. Vipere giacciono sepolte sotto la sabbia.
Quando gli egittologi finalmente hanno iniziato a studiare il deserto occidentale, hanno gravitato dapprima intorno alle oasi. Ma nel 1992 un giovane ricercatore, un laureato americano, John Coleman Darnell, e sua moglie Deborah, sua compagna di studi universitari, decisero di prendere una strada molto diversa. La coppia iniziò a battere antiche strade del deserto e le piste carovaniere lungo quella che hanno chiamato "l'ultima frontiera dell’Egittologia". Oggi John Darnell è un egittologo di Yale e si occupa delle civiltà e le lingue del Medio Oriente. Col suo team è riuscito a fare ciò che la maggior parte degli egittologi si limita a sognare: ha scoperto una città perduta faraonica, di edifici amministrativi, abitazioni militari, piccole industrie e botteghe artigianali. Dice Darnell, di un ritrovamento che promette di riscrivere un capitolo importante nella storia egiziana antica: "Siamo stati veramente scioccati".

Mappa © Mark Zurolo '01MFA
Umm Mawagir, come la città è ormai nota, fiorì nel deserto occidentale nel periodo 1650-1550 a.C., quasi un millennio dopo la costruzione della Grande Piramide di Giza. Si trattava di un oscuro, tumultuoso periodo della storia egiziana. Interi villaggi giacevano abbandonato nel delta del Nilo, vittime forse di un'epidemia antica. Approfittando della confusione, i gruppi beduini dalla Siria e Palestina si diressero verso ovest sotto la guida di ricchi mercanti, ottenendo il controllo del delta. Nel frattempo, molto più a sud, il potente regno Kerma del Sudan meridionale si ampliava verso l’Egitto. A causa di queste incursioni, i faraoni d'Egitto governavano un reame ridotto con la capitale a Tebe, l’attuale Luxor.
Per decenni, gli egittologi pensarono che gli stranier vagassero per il deserto occidentale a volontà e controllassero il lucroso commercio carovana. Ma la scoperta di Umm Mawagir, di concerto con reperti provenienti dall’oasi di Dakhla; che si trova più a ovest, dice Darnell, rivela chiaramente come la dinastia tebana riuscisse ad estendere il suo potere e la propria forza militare più di 100 miglia nel deserto ostile, costruendo una città intera, a controllo di un crocevia vitale delle rotte commerciali. Umm Mawagir, dice Darnell, è una testimonianza della "capacità incredibile di organizzazione degli egiziani".
La scoperta ha suscitato grande interesse negli ambienti dell’egittologia. "Penso si tratti di un ritrovamento molto importante", spiega Colin Hope, egittologo della Monash University di Melbourne, Australia. "E' un periodo del quale non sappiamo molto, e lui ha scoperto questo grande centro economico nel deserto". Dirk Huyge, curatore della Collezione egiziana nei Musei Reali d'Arte e Storia di Bruxelles, dice: "La massa di nuovi dati che scaturisce dalle indagini di Yale ha fornito informazioni al di là delle aspettative di qualsiasi studioso che lavori in Egitto".
In un ufficio di Yale decorato con armi tradizionali africane, stampe e dipinti della Valle del Nilo e una piccola statua di Napoleone Bonaparte, la cui settecentesca spedizione in Egitto segnò l'inizio dell’egittologia scientifica, John Darnell è appena tornato dal campo ed è in attesa della pubblicazione del suo primo articolo su Umm Mawagir in un volume di una conferenza internazionale. La scoperta, spiega, è il risultato di anni di indagini tenaci, lungo una delle vie più importanti nel deserto occidentale, lunga 110 miglia.

Darnell si interessò alle strade del deserto, per la prima volta, nel 1988, mentre studiava antichi testi egiziani a Luxor. La finestra del suo ufficio guardava attraverso il Nilo, e fu colpito dalla vista delle piste del deserto che attraversavano entrambe le sponde est e ovest. "Sapevamo che gli antichi egizi erano andati nel deserto", ricorda "ma non sapevamo esattamente come fossero arrivati lì. E io cominciai a chiedermi se ci fosse un modo per datare tali piste".
Curiosi, lui e Deborah decisero di seguire un percorso che corre sopra la Valle dei Re, sulla riva occidentale del Nilo, una delle regioni più intensamente studiate in tutto l'Egitto. Sotto, si sentiva il rombo dei pullman turistici e le voci dei turisti eccitati. "Non pensavamo che avremmo trovato qualcosa di nuovo", dice Darnell. "Pensavamo che avremmo trovato giusto alcuni resti di ceramica. Ma nei primi tre minuti ci siamo imbattuti in una stele frammentaria [una pietra scolpita] e in montagne di materiali ceramici ".
Rendendosi conto che si erano imbattuti in un nuovo campo dell’egittologia con la ricerca della strada del deserto, i Daniell iniziarono le escursioni tra i percorsi che portano fuori da Luxor. Si rifornirono quanta più acqua possibile per le loro escursioni, e camminarono per le strade che attraversano 50.000 chilometri quadrati di deserto. Registrarono gli antichi siti che si trovavano accanto alla strada e con pazienza esaminarono e contarono i cocci di ceramica che giacevano a terra. Gli stili distintivi della ceramica di diverse epoche loro permisero di datare sia le strade sia i siti, ed i due ricercatori rimasero stupiti dalla antichità di alcuni dei reperti. In un luogo noto in arabo come Wadi el - Hol, o "Valle del terrore", i Daniell scoprirono due iscrizioni di 3800 anni prima con la più antica scrittura alfabeta fonetica conosciuta al mondo.
La montagna crescente di dati ha rivelava la quantità di traffico che scorreva lungo la Strada Girga, che si estendeva 110 miglia a ovest da Tebe nella Valle del Nilo, sino alla remota oasi di Kharga nel deserto occidentale. "Questa era una via importante nell'antichità" dice John Darnell. E c’era un'infrastruttura impressionante per mantenere il traffico in movimento. Lungo la strada, i Daniell scoprirono una serie di avamposti ufficiali che servivano come depositi di cibo e acqua per i viaggiatori. Quei depositi datavano al Medio Regno dell'Egitto, un periodo che va tra il 2125 e il 1650 a.C. Invece i più antichi insediamenti dell’oasi di Kharga, allora conosciuti agli studiosi, erano stati costruiti più di 1000 anni dopo la fine del Medio Regno.

Chi aveva creato queste infrastrutture complesse nel deserto, e perché? Mentre rimuginava su queste domande, Darnell si ricordò di una scritta lasciata da un non identificato faraone Medio Regno, molto probabilmente Monthuhotep II. Nel testo, il faraone descriveva con fierezza la sua decisione di incorporare le oasi del deserto occidentale nel suo regno della Valle del Nilo. La maggior parte degli egittologi hanno categoricamente respinto l'istruzione, credendo, dice Deborah Darnell, che "i faraoni egiziani non avessero la capacità tecnologica e le conoscenze per sfruttare le risorse idriche nell’oasi di Kharga". Ma la serie di avamposti del Medio Regno situata lungo la Strada Girga suggeriva altrimenti.
Per i Daniell, tutti i nuovi elementi indicavano l'esistenza di una grande città del Medio Regno al capolinea della Strada Girga, nell’oasi di Kharga. Nessun centro urbano di tale importanza era mai venuto alla luce. Ma nel 2000, mentre visitava le rovine di un tempio nell’oasi di Kharga, datato ad un periodo molto più tardo, Deborah vide un piccolo frammento di anfora di epoca faraonica, sporgente da una dispersione di altri frammenti di ceramica. "Pochi sanno come appaiono le ceramiche nelle oasi dei faraoni", ricorda – e forse è questa la ragione per cui nessuno le aveva mai notate sul sito. Sospettando fortemente sospettare di essersi imbattuti nella città perduta, il gruppo iniziò con attenzione un rilevamento immediato della zona.
Nel 2005 il gruppo trovò una denso strato di stampi in ceramica per la cottura del pane, le vestigia di un grande panificio industriale, circa un chilometro a nord del tempio. E questa estate, Darnell John e i suoi colleghi hanno trovato le estese rovine di una grande città inesplorata, compresa la fondazione di un importante edificio amministrativo, di mattoni di fango. Darnell, che conduce gli scavi, ha chiamato la metropoli del deserto Umm Mawagir che in arabo significa, memorabile, "la Madre degli Stampi per il pane".
"La cottura del paneera fatta su scala piuttosto massiccia a Umm Mawagir" ha detto Darnell. Per capire il perché, lui e il suo team hanno scavato parte della panetteria, esponendo una zona delle dimensioni approssimative di una piccola camera da letto. Quando hanno spazzato via una matrice di cenere e sabbia, gli archeologi hanno scoperto ulteriori strati densi di stampi rotti di ceramica, quasi mezza tonnellata di ceramica in un'area di soli 16 metri quadrati, una quantità che stupì Darnell. Alcuni stampi erano grandi e di forma circolare, adatti per un pane unico; la maggior parte erano doppi stampi, simili nello stile alle teglie che gli Egizi moderni usano per fare certi tipi di pane zuccherato. Inoltre, la squadra ha trovato due forni di cottura di grandi dimensioni, un mortaio di pietra per la pilatura del grano, e un assortimento di pietre per macinare la farina.

La portata dell'operazione, dice Darnell, suggerisce che Umm Mawagir producesse un surplus enorme di pane, sufficiente a sfamare un esercito di soldati. La squadra ha trovato altri segni che la città antica del deserto, una volta, servisse come importante presidio militare. Sparse in tutto il sito c’erano le pentole rotte di soldati del deserto nubiano, conosciuti come Medjoy, truppe molto apprezzate dai faraoni egiziani. Alcuni di questi vasi erano fatti di argilla nubiana, il che indicava che erano stati fatti molto più a sud e portati sino a Umm Mawagir. Altri, invece, erano ricavati da argille locali dell’oasi di Kharga, suggerendo che le truppe nubiane portassero con sé i loro artigiani per fare la ceramica.
"Possiamo immaginare un gruppo di soldati Medjoy assunto dagli egiziani, non ci sono prove di schiavi qui di stanza a Kharga ", dice Colleen egittologo Manassa '01, '04PhD, professore associato di Yale presso il reparto di Lingue e Civiltà orientali, che recentemente ha scavato un cimitero di soldati Medjoy vicino a Luxor. Trovare le pentole delle truppe Medjoy a Umm Mawagir, aggiunge, aumenta "la probabilità che un centro strategico militare vi si trovasse".
Ad oggi, il team ha scavato meno della metà dell'uno per cento del sito tentacolare, che copre quasi 90 ettari. Benché i forti venti del deserto abbiano battuto le antiche mura della città di mattoni di fango, la conservazione del sito è eccellente, con tanti muri più di tre metri di altezza. Dalle prime indicazioni, dice Darnell, appare che l'antica città fu sede di una vasta gamma di antichi abitanti egiziani, da funzionari importanti sino agli artigiani che producevano statuette di terracotta e luccicanti perline bianche con i gusci delle uova di struzzo.
Mentre lunghi anni di paziente scavo e di ricerca rimangono ancora da compiere a Umm Mawagir, Darnell ritiene che la città nel deserto, in ultima analisi, possa far luce su un momento cruciale oscuro nella storia egiziana. Per anni, gli studiosi si sono chiesti come un paese impoverito e la dinastia reale di Tebe, molto indebolita alla fine del Medio Regno, alla fine riuscisse a respingere dall’Egitto invasori stranieri e rinascere alla grandezza, ancora una volta, nel Nuovo Regno, l'età di Nefertiti, Tutankhamon e Ramses il Grande. I reperti di Umm Mawagir ora accennano fortemente a porgere una risposta. "La dinastia di Tebe", suggerisce Darnell, "può avere usato il suo controllo militare ed economico del Deserto Occidentale per vincere la guerra contro gli invasori".

Per Darnell,, tuttavia, la vera meraviglia è il genio amministrativo che è andato a creare di una città nel deserto più di 3600 anni fa. "La gente sempre ammira i grandi monumenti della Valle del Nilo e le incredibili imprese architettoniche che vedono lì. Ma io penso che dovrebbero rendersi conto di quanta maggior fatica sia stata necessaria per lo sviluppo dell’oasi di Kharga in uno dei deserti più aspri e aridi della Terra".

Heather Pringle è editor e contribuisce alla rivista Archaeology.

Fonte: www.yalealumnimagazine.com (Settembre / Ottobre 2010). 

Nessun commento:

Posta un commento