Cerca nel blog

venerdì 15 maggio 2015

NIBIRU


👽✷
Nibiru (nei testi babilonesi Neberu o Nebiru) sarebbe il pianeta membro del sistema solare, con orbita estremamente ellitica e longeva, da cui provvenivano gli Anunnaki. E' identificato da Zecharia Sitchin nel famoso Pianeta X la cui ricerca va avanti da oltre 40 anni. Nonostante molti autori abbiano identificato questo pianeta con i vari Quaoar, Senda, e altri planetoidi, Nibiru é un pianeta ancora (ufficiamente) non identificato.

CARATTERISTICHE DEL PIANETA
Secondo Sitchin Nibiru avrebbe una orbita tra i 3450 e i 3600 anni, inclinata di 30° sotto l' ecclitica, estremamente ellitica (eccentricità ipotizzabile di circa 0.9), che porterebbe il pianeta al suo perielio nella zona tra Marte e Giove, e con un afelio molto al di fuori della zona transnettuniana oltre la fascia di Kuiper. La sua inclinazione porterebbe il tragitto di Nibiru a 'sorgere' sull' ecclitica, compiere una parabola superando i pianeti interni e il Sole, per poi riabbassarsi sotto l' ecclitica all' incirca tra Marte e Giove (fig. 1). Sarebbe un pianeta con un' atmosfera particolarmente densa e isolante, un manto e una crosta più fini (in relazione alla Terra e in proporzione con la sua massa), e un cuore radioattivo che produce un calore interno tale da evitare l' eccessivo abbassamento delle temperature al suo afelio. Non si sa ipotizzare se al 'secondo fuoco' dell' orbita di Nibiru ci sia qualcosa.
NIBIRU NELLA MITOLOGIA
Il nome Neberu o Nibiru compare per la prima volta nell' Enuma Elish, il poema della creazione babilonese, certamente copia di un precedente sumero o condensato di più miti sumeri. Visto il mito in chiave astronomica, il termine Neberu descrive la posizione, o 'stazione', del pianeta Marduk quando esso passa 'al centro' del sistema solare.Il pianeta in questione infati durante tutto il mito viene chiamato con il nome del dio nazionale di Babilonia, Marduk, e solo nelle ultime tavole viene menzionato come 'Nibiru' (colui che attraversa). Il passaggio esatto é (nella versione di N.K.Sandars):
"Lui progettò posizioni per i grandi dei, e diede loro un aspetto stellare come costellazioni [...]Poi diede loro Nibiru, il polo dell’ universo,per segnare il loro cammino in modo che nessuno potesse errare"
Nella interpretazione classica di questo passaggio, Nibiru é identificato dagli assiriologi con Giove, identificazione che contraddice quella possibile da altri testi in cui Nibiru é identificato con una stella o con Mercurio. Inoltre anche all' interno di questo passaggio Nibiru non può essere Giove poichè Marduk, prima di 'divenire' Nibiru, ha progettato 'posizioni per i grandi dei', tra i quali era elencato Giove stesso (chiamato nel testo Kishar - Enuma Elish tavola I). Nel passaggio seguente, tratto dal testo astronomico Mul.Apin, per esempio, Nibiru é identificato con Mercurio:
"Рdish mul-Udu.Idim.Gu ud An.e Bar.ma Gub.ma d.Neberu shum.shu -(Se Mercurio attraversa il cielo e si ferma il suo nome ̬ Nibiru)"

Mentre nel seguente é identificato con una non identificata stella rossa:

"Рmul sa sa ina Zi.U lu E.Gir dingir mesh.gi ti ug.na.mi.ru.nim.ma Am.e Bar.ma Gub.iz mul bi d.Neberu d.Amar.ud - (la stella rossa che giace nel sud dopo che gli dei della notte hanno finito, dividendo il cielo, questa stella ̬ Nibiru il dio Marduk)"

Come possono queste diverse definizioni collimare per identificare Nibiru? Bisogna tener presente che anche se il termine Nibiru é utilizzato comunemente per indicare il pianeta, in effetti Nibiru é un attributo che il pianeta prende in un determinato momento: quando attraversa la zona tra Marte e Giove. Dunque é un nome che descrive un 'passaggio' del pianeta, una posizione che, vista dalla Terra, viene a volte ricoperta dal pianeta chiamato Marduk, a volte da Giove, a volte da Mercurio. Ma il nome descrive anche il tragitto compiuto dal pianeta, provveniente da sud perchè sta 'nascendo' sull' ecclitica. Nel primo passaggio, estratto dall' Enuma Elish, leggiamo che Marduk 'diede loro Nibiru per [...] per segnare il loro cammino, in modo che nessuno potesse errare'. Questo passaggio poi viene esteso sempre nell' Enuma Elish (ultima tavoletta) nell' elenco dei '50 grandi nomi di Marduk':
(Come NEBERU ha proiettato i corpi celesti nelle loro orbite, gli dei erranti obbediscono alla 'legge del passaggio'. Nebiru, fermo nel centro,é il dio che adorano;di questo splendente loro dicono:

"Lui che un tempo attraversò il firmamento,ora é il fulcro dell' Universo")


NIBIRU IN CHIAVE ASTRONOMICA 
Collegando questi passaggi abbiamo delle definizioni di Neberu che possiamo riportare in chiave astronomica: innanzitutto si dice che Nibiru, con la sua azione, ha definito le orbite degli altri pianeti, cioè in qualche modo le controlla, visto che i pianeti devono obbedire alla 'Legge del Passaggio'. Secondariamente deduciamo che Nibiru passa 'al centro' del sistema, cosa che esclude sia Giove che Mercurio, specialmente se accettiamo l' interpretazione classica degli assiriologi secondo i quali i sumeri e babilonesi conoscevano solo i pianeti fino a Saturno. Inoltre Nibiru 'attraversò il firmamento' ed é diventato il 'fulcro' (regolatore) dell' Universo (il sistema solare). Il 'firmamento' é il corrispondente del RAKIA di cui si parla nella Genesi biblica, identificato da Sitchin nella fascia degli asteroidi, che si trova esattamente tra Marte e Giove, al 'centro' del sistema solare. Nibiru é 'nel centro', esattamente la posizione occupata dalla fascia degli asteroidi che divide il sistema solare in due gruppi di 5 elementi:

da un lato: Mercurio ,Venere, Terra, Luna, Marte
e dall’ altro: Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone
Tornando al passaggio precedentemente visto, leggiamo che Neberu controlla le orbite degli altri corpi celesti del sistema solare, i quali obbediscono alla 'Legge del Passaggio'. Di che legge si tratta? La possiamo identificare esaminando le orbite dei pianeti esterni del sistema solare:

Nettuno: durata orbita 165 anni....numero orbite 22....durata totale 3630 anni
Urano:    durata orbita   84 anni....numero orbite 43....durata totale 3612 anni
Saturno: durata orbita 29.5 anni....numero orbite 123..durata totale 3628 anni
Giove:     durata orbita 11.8 anni....numero orbite 307..durata totale 3622 anni
Nibiru/Marduk: durata orbita 3600 anni circa....numero orbite 1......durata totale 3600 anni circa
Di fatto la tabella mostra che le orbite dei pianeti esterni fino a Giove, l' ultimo pianea sorpassato da Marduk/Nibiru, sono sincronizzate per incontrarsi ogni circa 3600 anni, in concomitanza con la sua orbita. Di fatto l' orbita di Nibiru 'regola' quelle degli altri pianeti, e costituisce per loro la 'Legge del Passaggio'.


Articolo di Alessandro Demontis
 




2 commenti:

  1. In "definitiva" a quando il prossimo passaggio ?
    Articolo molto interessante, complimenti..

    RispondiElimina