Cerca nel blog

lunedì 18 maggio 2015

Alessandro Demontis

Nato a Sassari, Sardegna, il 30 Gennaio 1974, diplomato in chimica industriale nel 1992, ha frequentato un anno di Università di Chimica e successivamente un anno all' Università di Lingue e Letterature straniere, ove nacque in lui l' interesse più che per le culture moderne, verso le culture e le lingue del passato, grazie alla spinta del suo professore di glottologia (Massimo Pittau) che al corso monografico gli fece studiare iscrizioni etrusche.Abbandonò l' università per svolgere il servizio civile al museo cittadino, ove il suo amore per le antiche civiltà crebbe ulteriormente.
Nel 1997 prese una specializzazione come Tecnico per la Gestione delle Acque e delle Risorse Ambientali all' Università di Cagliari, dipartimento di Chimica Inorganica. Dopo una breve parentesi di 4 mesi passati a Milano in cerca di lavoro, tornò in Sardegna dove lavorò all' Enichem in un impianto chimico, dal 1998 al 2005, per poi trasferirmi nel Lazio per affetti e lavoro, e da allora è specialista P&IDs per una multinazionale di progettazione di impianti chimici.Nel corso della sua vita ho studiato esoterismo, occultismo, ritualistica magica, con particolare attenzione verso il sistema enochiano; ha studiato inglese (che é per lui la seconda lingua), il tedesco, rudimenti di serbo, etrusco.
Nel 2002 conosce i libri di Zecharia Sitchin e rispunta in lui l' amore per le civiltà del passato, inizia a studiare la civiltà sumera e quella accadica, riscoprendo un amore per l' archeologia misterica che aveva abbandonato anni prima. Inizia i suoi studi linguistici di sumero traslitterato e cuneiforme nel 2007, si dedicò a partire dal 2004 allo studio comparato delle religioni e delle civiltà, in particolar modo i suoi studi riguardano le similitudini linguistiche e iconografiche, nonchè archeologiche ed architettoniche, tra il medioriente e il centro e sud america. Dal marzo 2011 studia la lingua romena e dal marzo 2012 si occupa di archeologia dacica.Ha scritto 5 libri, "Mille cose nascoste", "Nibiru e gli Anunnaki", "Testi Sumeri - tradotti e commentati" "Il Fenomeno Nibiru vol.1 - le conferme" e "Il fenomeno Nibiru vol. 2 - le critiche di Ian Lawton". Attualmente vive a Pomezia, e nel (poco) tempo libero lavoro a due libri: il terzo volume di Il fenomeno Nibiru e un libro sul Satanismo.
 


Nessun commento:

Posta un commento